LA NUTRACEUTICA PER LA SINDROME DI DOWN

WAF-SFE

 

 

 

 

Con il Patrocino del Consiglio Nazionale delle Ricerche, si terra a Padova in data 25/26/27 Novembre, il World Allergen & Smart Food Expo, il Salone italiano di approfondimento e business del mercato di prodotti finiti, materie prime, tecnologie e servizi per allergie e intolleranze alimentari, alimenti funzionali, integratori alimentari e medical food.

Nuovi stili di vita stanno definendo un nuovo mercato alimentare: questo si traduce con la crescita della domanda di prodotti free from, funzionali, integratori alimentari, e medical food. World Allergen & Smart Food Expo è l’occasione giusta per conoscere i nuovi scenari di business, l’Evento in cui si promuove l’incontro tra Produzione, Innovazione, Ricerca e Consumo.

Durante la manifestazione saranno svolte numerose Conferenze in cui si alterneranno interventi di Scienziati, Medici, Farmacisti, e di tutti gli addetti al settore, con l’obiettivo di offrire spunti di approfondimento e divulgare le più recenti conoscenze in tale ambito.

Programma

Vai all’articolo completo


 

Pieghevole IBIOM AMAR DOWN_Pagina_1 (2)

La Nutraceutica per la sindrome di DOWN

I farmaci naturali
I principi attivi naturali sono una fonte preziosa per la scoperta di nuovi farmaci. In particolare i polifenoli di origine vegetale hanno un’azione “multi-target” su vie metaboliche alterate in sindrome di Down. Questi farmaci naturali potrebbero avere un effetto benefico multimodale sulle vie di regolazione delle funzioni mitocondriali e sulla trasmissione degli impulsi nervosi.

I risultati raggiunti dal gruppo IBIOM-CNR
Il gruppo di ricerca guidato da Rosa Anna Vacca ha dimostrato l’efficacia delle epigallocatechina- 3-gallato (EGCG) e del resveratrolo, estratti rispettivamente dal tè verde e dall’uva rossa, nel riattivare la bioenergetica cellulare e la neurogenesi adulta in un modello animale di sindrome di Down. Inoltre, in uno studio pilota è stato dimostrato che l’utilizzo combinato di EGCG e degli acidi grassi omega-3, ripristina senza effetti collaterali il decit mitocondriale e la
capacità di concentrazione in un bambino con sindrome di Down. I risultati di queste ricerche sono stati pubblicati sulle riviste scientifiche internazionali BBA-Molecular Basis of Diseases, Clinical Nutrition, Neuroscience & Biobehavioral Reviews.
Vai all’articolo completo