Aree

Ruolo di molecole di origine naturale, presenti in alcuni alimenti, nel modulare i processi degenerativi della cellula legati al misfolding proteico e/o ad una alterata omeostasi proteica all’interno della cellula.

Referente Dr. Danilo Milardi, Ric . III livello.
Istituto di Biostrutture e Bioimmagini-UOS di Catania
Dipartimento di Scienze Biomediche
Tel: 095 7338438 – cell: 338-9139943
e-mail: danilo.milardi@cnr.it
CompetenzeEstrazione e purificazione di sostanze bioattive da alimenti. Modifiche chimiche delle molecole di origine naturale per potenziarne l’attività biologica. Modelli di colture cellulari per i saggi di attività biologica delle molecole di origine naturale. Saggi di attività del proteasoma e dell’immunoproteasoma. Saggi Western-Blot per il dosaggio dell’attività proapoptotica e lisosomiale. Metodi biofisici per lo studio dell’aggregazione amiloide proteica e dell’integrità della membrana plasmatica.
BeneficiPrevenzione dei processi neurodegenerativi da invecchiamento legati alla aggregazione di amilodi (es Malattia di Alzheimer o Parkinson). Prevenzione e cura del diabete mellito di tipo II.
ApplicazioniLe molecole studiate potranno essere indirizzate alla formulazione di nuovi alimenti e/o nutraceutici da utilizzare come coadiuvanti nella prevenzione delle malattie da misfolding proteico (proteinopatie).
Ricerca Applicata su Alimenti Funzionali e Nutraceutici1) aggregazione proteica e citotossicità: Studi molecolari ed in vitro.
2) Veicolazione di farmaci.
3) Sistemi peptidi/membrana bioattivi.
4) Metalli e piccole molecole nella regolazione del sistema ubiquitina/proteasoma.
PubblicazioniM. F.M. Sciacca, R. Chillemi, S. Sciuto, M. Pappalardo, C. La Rosa, D. Grasso, D. Milardi*, Interactions of two O-phosphorylresveratrol derivatives with model membranes, Archives of Biochem and Biophys, 2012, 521, 111-116.
BiomaterialePeptidi fluorogenici funzionalizzati per la determinazione dell’attività proteasomiale in cellula.
BrevettiUniversità di Catania (40%), University of Michigan (30%) e CNR (10%): derivati del resveratrolo per il trattamento e la prevenzione del diabete mellito di tipo II e la malattia di Alzheimer. (Proposta di brevettazione accettata. Accordo internazionale di riservatezza in corso di stipula)
ProgettiRBNE03PX83 FIRB 2003 FOLDING E AGGREGAZIONE DI PROTEINE: METALLI E BIOMOLECOLE NELLE MALATTIE CONFORMAZIONALI. DM20919 laboratorio pubblico privato CNR/Wyeth Generazione di una piattaforma tecnologica finalizzata allo studio degli effetti dei farmaci antineoplastici e alla determinazione della loro potenziale efficacia come agenti neuro protettivi. FIRB-MERIT -RBNE08HWLZ Progetto MERIT Basi molecolari nelle sindromi degenerative correlate con l’invecchiamento
Collaborazioni con AziendeAmylin pharmaceuticals Inc. USA.
Collaborazioni con Enti1) Dipartimento di Scienze Chimiche, Università degli studi di Catania.
(Sintesi e caratterizzazione di derivati di origine naturale).
2) Department of Chemistry and Biochemistry, University of Michigan.
(misure NMR stato solido di sistemi peptidi/membrane anche in presenza di piccole molecole).
3) Dipartimento di Scienze Chimiche, Università “Federico II” di Napoli
(Sintesi e caratterizzazione di derivati di origine naturale)
4) Department of Biochemistry, University of Zurich.
(screening in silico di proprietà antiaggreganti di piccolo molecole di origine naturale).
5) Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Milano, Italy.
Prove su modelli animali (C. Elegans)
6) University of Waterloo, Canada.
Simulazioni atomistiche di sistemi peptide/membrana
Personale
Coinvolto
Danilo Milardi (Ric. III Liv.), Giuseppe Pappalardo (Ric. II liv),
Valeria Zito (Cter), Tiziana Campagna (Cter),
Alessandro Giuffrida (Coll. Ric.)